Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

giovedì 2 giugno 2016

LA MORTE MERITOCRATICA: NON CHIMIAMOLO "FEMMINICIDIO" di Angela Rizzica





LA MORTE MERITOCRATICA: 
NON CHIMIAMOLO "FEMMINICIDIO" 
di Angela Rizzica


Un viso che, timido, si imbarazza all’obiettivo. Non era bellissima, ma aveva uno sguardo di una dolcezza infinita: la classica ragazza della porta accanto in cui tutti possiamo riconoscere una sorella, un’amica, una fidanzata o una figlia. 
Sara Di Pietrantonio aveva 22 anni ed una vita davanti ma l’ex fidanzato Vincenzo Paduano, 27 anni, ha deciso di cambiare le carte in tavola bruciandola viva insieme alla sua macchina. 
Potremmo a questo punto pensare che si tratti della più bassa azione di uno squilibrato mentale, l’extrema ratio di un compagno geloso che non si era rassegnato alla fine di una storia, ma manca un pezzo importante: Sara poteva essere salvata. Fuggendo dal suo carnefice, ha tentato di fermare diverse auto lungo il tratto della Magliana dove poi è stata ritrovata la sua macchina carbonizzata. 

E’ stata l’indifferenza ad ucciderla, non solo l’alcol di cui Vincenzo l’ha cosparsa per farle prendere fuoco più velocemente una volta tornati nella Toyota. L’indifferenza, omertosa e vigliacca, da sempre crea più vittime della morte stessa. Così, giustamente, pensiamo che per combatterla sia necessario chiamare questo e tanti altri omicidi con un nome diverso per distinguerli, per riconoscerli, per renderli più importanti. Il mostro non è più solo un mostro ma un “femminicida” perché uccide le donne ed una morte non è più tale ma un “femminicidio” perché a morire è stata una donna. 

Insomma, morire perché biologicamente parlando, appartieni al genere femminile è un merito. La mia morte è più dignitosa ed importante di  quella di un mio coetaneo. Le mie grida di aiuto sono più strazianti di quelle di un ragazzo. I miei capelli biondi sono più biondi di quelli di un ventiduenne. Sciocchezze. La morte è una e non è meritocratica. 

Non è creando un’ipotesi di reato ad hoc che si ferma la violenza, ma ponendo l’attenzione su tutto quello che la precede. Molti invocano la creazione del reato di “femminicidio” alla maniera di come è stato creato quello “stradale”, ma sono condizioni e situazioni diverse: il secondo è nato dall’esigenza di circoscrivere una specifica dinamica ed attiene quindi alle modalità con cui si svolge il reato, il primo nascerebbe sulla base del sesso della vittima. 
E’ come puntare sulla ricerca per i farmaci contro l’HIV senza prima aver investito nell’educazione sessuale, concentrarsi sul rimedio e non sulla prevenzione. Una vita interrotta è interrotta, e non si potranno pareggiare i conti chiamando quell’interruzione in modo diverso. 

Mi compiaccio poi delle femministe dell’ultima ora che reclamano il “femminicidio” a gran voce, come se la parità di genere potesse essere raggiunta riconoscendo alle donne un’implicita debolezza. Sì, perché dire che una determinata categoria di persone deve essere tutelata tramite degli strumenti ad hoc è stigmatizzarla come debole, come meritevole di maggiore protezione. E’ spostare il centro dell’attenzione dal carnefice alla vittima, invertendo pericolosamente il focus: è suggerire di non mettersi la minigonna se si vuole evitare lo stupro; è consigliare di uscire sempre in gruppo con dei ragazzi per stare tranquille la sera; è cercare di modificare gli effetti senza agire sulla causa scatenante. 
Bisogna indignarsi non perché è stata uccisa Sara, ma perché Vincenzo ha dato fuoco ad una persona. Prima di piangere per l’ennesima ragazza strangolata, stuprata, sgozzata o arsa viva, prima di infiammare i social con la demagogia becera che dura giusto il tempo di un nuovo delitto, parliamo di “stalking” e di come, quasi sempre, non vengano attivate le giuste misure di sicurezza a seguito di una denuncia; parliamo di come il “mobbing” sul posto di lavoro non venga preso sul serio e di come una donna venga anzi spesso derisa perché “la pacca sul culo è un gesto di affetto”. 

Parliamo di tutto ciò che precede il vostro adorato “femminicidio”, è questo che fa la reale differenza. E’ ottuso pensare che non ci siano altri Vincenzo solo perché viene creata una nuova ipotesi di reato, che tra l’altro consta di tutti i problemi caratteristici della novità inserita nell’ordinamento italiano: ritardi nell’attuazione, problemi di coordinamento con le norme preesistenti, incertezza nel comminare la pena a causa di dottrina e giurisprudenza scarse od inesistenti e tanti assassini a piede libero o quasi. 
Valorizziamo il bene della vita nei social e nei media, facciamo informazione nelle scuole e portiamo il rispetto a tavola perché un uomo a cui è stato insegnato il rispetto per le donne non le insulta, non le stupra, non le carbonizza vive. 
Sara non è solo la vittima di Paduano, ma anche di tutti coloro che pensano a come punire i carnefici e non a fare in modo che non ce ne siano più. La legge esiste e deve essere uguale per tutti, anche per Sara, anche per me. Non c’è merito a morire per essere donna come non c’è per essere gay, nero, immigrato o ebreo. L’omicidio non ha sesso, non chiamiamolo femminicidio: fatelo per lei, fatelo per tutte noi.



31 maggio 2016


1 commento:

quattrocani ha detto...

http://iltafano.typepad.com/il_tafano/2016/06/giornalisti-miei-eroi-immaginari.html

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...