Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

sabato 13 dicembre 2014

ROMA: L'OCCASIONE DA NON PERDERE PER COSTRUIRE L'ALTERNATIVA E L'UNITA' DELLA SINISTRA di Maurizio Zaffarano






ROMA: 
L'OCCASIONE DA NON PERDERE PER COSTRUIRE L'ALTERNATIVA E L'UNITA' DELLA SINISTRA
di Maurizio Zaffarano





L'inchiesta Mafia Capitale e il marcio che ha scoperchiato nell'amministrazione del Comune di Roma, con lo scioglimento per mafia non escluso nemmeno dal Prefetto, rende possibili a breve nuove elezioni per la carica di Sindaco della città. E comunque rende da subito necessario cominciare a lavorare per costruire un'alternativa – nei metodi, nella trasparenza, negli obiettivi – per il governo di Roma.
Per quanto Ignazio Marino non sia stato direttamente coinvolto nell'inchiesta ed anzi possa atteggiarsi a vittima della cricca fascio-mafiosa, la sua maggioranza esce ulteriormente indebolita dalla vicenda. La tesi che la sua amministrazione e che il PD abbia fatto argine al malaffare non regge: risultano indagati esponenti del PD e tra questi Luca Odevaine, già collaboratore della Melandri, di Veltroni, di Zingaretti; la cooperativa "29 giugno" di Luca Buzzi, che aveva contributo al finanziamento della campagna elettorale di Marino ed aveva avvicinato un membro della sua segreteria, anche durante il 2013, primo anno dell'amministrazione Marino, ha visto l'incremento delle commesse assegnate dal Comune.

Può darsi che Ignazio Marino sia un San Francesco in mezzo ai lupi, può darsi che sia meno peggio degli altri oppure può darsi che rappresenti interessi contrastanti rispetto a quelli della banda di Carminati. E che la campagna di denigrazione di cui è stato bersaglio negli scorsi mesi da parte della stampa romana, con in prima fila i giornali di Caltagirone, derivasse dall'aver pestato i piedi a qualcuno.
Vi sono però dei dati inoppugnabili: l'ulteriore indebolimento politico e di immagine dell'amministrazione Marino che sembra davvero avere i giorni contati e nessuna possibilità di riguadagnare credibilità e prestigio; la partecipazione sistemica di esponenti del PD al sistema della corruzione e del malaffare (si guardi, solo per citare alcuni episodi oltre a quelli di Roma, agli scandali della Sanità in Puglia, della ricostruzione dell'Aquila, di Penati, del Mose di Venezia e dell'Expo, dei deputati Di Stefano e Genovese).
Il PD da un lato impedisce alle amministrazioni locali di svolgere le funzioni - anche e soprattutto sul piano sociale - a cui sono preposte, con l'imposizione delle politiche di austerità subalterne all'ideologia liberista e obbligando alla privatizzazione dei servizi pubblici ("Le città ingovernabili" come scrive Tonino Perna); dall'altro, con i suoi esponenti e con le imprese amiche, partecipa alle pratiche del malaffare fondate sull'appropriazione criminale delle residue risorse pubbliche disponibili.

Questi dovrebbero essere motivi sufficienti per abbandonare ogni volontà di collaborazione con il PD anche a livello locale. L'appannamento dei Sindaci arancioni – Pisapia, Doria, Zedda - dipende largamente, oltre che dalle conseguenze dell'applicazione delle politiche di austerità, dall'essere restati prigionieri di questo sistema perpetuando pratiche di governo, inadeguate per i bisogni dei cittadini, fondate sull'accettazione passiva delle compatibilità di bilancio imposte dagli Esecutivi nazionali, sulla rincorsa alle grandi opere e ai grandi eventi quali uniche occasioni di sviluppo, sulla pratica degli accordi (“le compensazioni”) con la speculazione edilizia. Un discorso a parte meriterebbe invece De Magistris che, tra luci ed ombre, amministra la città di Napoli senza e contro il PD.

Con la destra ridotta ai minimi termini, con un PD in crisi di credibilità, si presenta dunque a Roma la possibilità di eleggere un sindaco di Alternativa e di svolta. Ed il doppio turno lascia aperta ogni soluzione (si veda al riguardo proprio l'elezione di De Magistris).

Spetterebbe ai 5 Stelle, quale maggiore partito di opposizione almeno nelle Istituzioni rappresentative, farsi promotori di una larga alleanza – politica, sociale, culturale - che vada oltre gli angusti confini dei meet up. Non perdano questa occasione con la candidatura, espressione di uno “splendido isolamento”, di qualche oscuro militante scelto da qualche migliaio di attivisti digitali che se eletto dovrebbe poi passare i primi mesi del mandato a capire come si legge e si scrive un atto amministrativo e pretendendo di individuare gli assessori non su basi politiche e di riconosciute competenze ma attraverso l'esame dei curriculum dei candidati.
Diciamolo, le migliori competenze "alternative" – nei campi dell'ambiente, dell'energia, dell'urbanistica, dei trasporti, dell'economia, della tutela dei beni artistici ed archeologici, del diritto amministrativo e costituzionale - stanno proprio nella vituperata area della Sinistra radicale.

Le ultime elezioni a Sindaco (se la nullità Marchini prende il 9,49 contro il 2,23 dell'ottimo Sandro Medici mentre il candidato dei 5 Stelle (De Vito), con il movimento grillino in impetuosa ascesa, si ferma al 12,44) insegnano che per Roma serve un candidato di prestigio, mediaticamente efficace, conosciuto dai cittadini.
Non si tratta di arrendersi alla dittatura del marketing politico e di negare l'esigenza di una vasta partecipazione democratica e popolare ad un progetto politico ma di prendere atto che certi exploit elettorali passano anche attraverso l'immagine dei leader (si vedano Syriza e Podemos).
Le Sinistre radicali, Rifondazione, L'Altra Europa per Tsipras, i movimenti per i diritti e per i beni comuni, SEL (?) si preparino per tempo a questa sfida: in un'alleanza larga di alternativa al PD e alle destre o con una propria proposta autonoma che non può prescindere, quale premessa indispensabile per un'elezione di questo tipo, dalla scelta efficace e lungimirante del candidato. Ma occorre cominciare subito e non in prossimità delle elezioni, quando Alfio Marchini avrà già tappezzato la città con la sua immagine ed i media daranno spazio solo ad "alcuni" candidati.

Roma, con l'importanza e la visibilità che la contraddistinguono, offre l'opportunità di attivare un laboratorio politico nazionale. Una nuova amministrazione capace di dimostrare di saper mettere al primo posto i bisogni dei cittadini (anche nel contrasto all'austerità liberista) e nel contempo di resistere al malaffare delle cricche e delle speculazione immobiliare rappresenterebbe un passo fondamentale verso la costruzione di un'Alternativa per il Governo nazionale.




Nessun commento:

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...