Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

mercoledì 22 maggio 2013

UN'INUTILE SFILATA di Anna Lami



UN'INUTILE SFILATA

di Anna Lami

La Fiom di Landini sfila a Roma: molti slogan poche strategie.

Si è concluso nel primo pomeriggio di sabato quello che era stato preannunciato come un corteo con obiettivi ambiziosi: "diritto al lavoro, all'istruzione, alla salute, al reddito, alla cittadinanza, per la giustizia sociale e la democrazia". "La priorità è il lavoro, non l'Imu" secondo Maurizio Landini. Per il segretario generale della Fiom i primi provvedimenti presi da Palazzo Chigi "non ci fanno uscire dall'emergenza, non ci fanno guardare al futuro". "Occorrono la riforma della cassa integrazione e il reddito di cittadinanza", ha quindi aggiunto il leader sindacale.
 Ottimi slogan certo. Ma con gli slogan non si otterranno posti di lavoro; per restituire centralità alle rivendicazioni delle classi lavoratrici, la Fiom dovrebbe attuare una strategia in netta discontinuità rispetto a quanto fatto in questi anni. Ma restando la strada maestra quella delle gite nella Capitale assolata, con le celebrity a fare discorsi edificanti dal palco, la richiesta di lavoro, magari decentemente retribuito, non troverà per molto tempo ancora orecchie ricettive.

 A maggior ragione se l'interlocutore è l'esecutivo di larghe intese Napolitano-Letta-Berlusconi: è come chiedere al lupo cattivo di non mangiare cappuccetto rosso. La preoccupazione del Segretario Generale era quella di polemizzare con il Pd perché non presente ufficialmente in piazza: "Non capisco come si può essere al governo con Berlusconi ed avere paura di essere qui". Come se il Pd fosse ancora da considerare un interlocutore affidabile per il mondo del lavoro! Come se prima delle "larghe intese" con Berlusconi, non avesse appoggiato il Governo "tecnico" di Mario Monti, sempre in combutta con il Pdl. Come se ci fossero dubbi su quali siano gli interessi (di classe) che rappresenta il Pd. La sfilata a cui abbiamo assistito era dunque niente più che una manifestazione di rito, a cui hanno preso parte (numeri reali) 25-30 mila persone. Significativo che una delle componenti più importanti fosse costituita dai pensionati dello Spi-Cgil, mentre il clima generale ricordava più una gita del dopo lavoro che un corteo combattivo in grado di rappresentare la rabbia e la sofferenza diffusa.

Viviamo in tempi dove questo genere di riti hanno sempre minor presa sociale. E si è visto fin troppo bene. Basti ricordare che il 16 ottobre 2010 la Fiom della lotta contro Marchionne, nella stessa piazza San Giovanni, aveva portato circa 500.000 manifestanti. Meno di tre anni hanno profondamente segnato la storia dell'organizzazione dei metalmeccanici, che si è tramutata nell'ombra del più antico e glorioso sindacato italiano. Piegato e svilito da una linea politica rinunciataria, passiva, perdente. Una linea che ha sostituito il conflitto sociale, unica strada, seppur difficile, per difendere veramente i diritti dei lavoratori, con le battaglie dei ricorsi in tribunale.

Addirittura Landini aveva preannunciato che l'iniziativa di ieri non sarebbe stata contro il governo. E contro chi allora? Contro nessuno? E per quale ragione i lavoratori dovrebbero partecipare ad un corteo contro nessuno? Come se nessuno fosse responsabile del massacro sociale, dell'austerità e dell'annientamento dei diritti. E se Landini dal palco ha precisato che "noi siamo qui perché non rinunciamo ad un'idea di fondo, quella di cambiare questo paese", ci sfugge come possa credere di cambiare questo paese temendo di chiamare per nome e per cognome gli avversari dei lavoratori che dovrebbe rappresentare. Senza spendere nemmeno una parola per denunciare l'abominevole matrimonio Cgil-Cisl-Uil con Confindustria, chiamato anche accordo sulla rappresentanza e democrazia, che riserva ai soli sindacati complici la possibilità di agire all'interno dell'ambito di lavoro. In pratica la generalizzazione del modello Marchionne. Insomma l'impressione è che la Fiom di Landini non abbia più le risorse per offrire ai lavoratori una risposta all'altezza degli attacchi che subiscono quotidianamente. 






19 maggio 2013

Nessun commento:

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...