Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

lunedì 4 novembre 2013

MA DOVE VA A FINIRE IL CETRIOLO? di Renato Costanzo Gatti





 MA DOVE VA A FINIRE IL CETRIOLO?
di Renato Costanzo Gatti



Air France chiede una ristrutturazione dei debiti di Alitalia abbattendoli del 70-80% del loro valore. Naturalmente è difficile pensare che questo onere possa ricadere sui maggiori creditori AdR e Eni. Uno strumento possibile sarebbe la creazione di una bad company così come fu qualche anno fa con il fallimento Alitalia (la bad company) e CAI (la good company). Come sia finita è sotto gli occhi di tutti. Risiamo all’eterno ritorno della storia di Alitalia, una avventura che più che impossibile sembra essere diventata disperata.
Non è che non ci si renda conto delle conseguenze occupazionali e di sistema di un fallimento di Alitalia-CAI, ma occorre anche pragmaticamente lucidi nel chiedersi se il nostro governo, in questo momento di estrema difficoltà nei conti pubblici, possa o debba usare 75 milioni per un’operazione disperata ovvero per investirli in un investimento produttivo e/o infrastrutturale con una ricaduta certa e permanente anche a livello occupazionale. Purtroppo il governo ha ignorato un problema noto da anni, per affrontarlo solo quando esso è diventato un’emergenza, un aut aut, una corsa dell’ultimo minuto, con un ricatto morale che non permette di ragionare con un progetto chiaro a lungo termine, credibile. Ma abbiamo parlato di eterno ritorno, ma potremmo parlare di moral hasard ; cosa è stato fatto per controllare che la nuova Alitalia rispettasse i suoi piani iniziali? E perché non si è intervenuti quando gli scostamenti tra budget e dati effettivi denunciavano l’irrealizzabilità del progetto? Ma ci siamo dimenticati che i contribuenti si sono fatti carico di 5 miliardi per finanziare il progetto di salvataggio di Berlusconi e che quell’investimento si è dimostrato un disastro? Ma come fa Poste italiane ad investire 75 milioni in una azienda che perde un milione al giorno? Per dargli ossigeno per 75 giorni? E poi l’eterno ritorno, o meglio il moral hasard. Ma può il governo costringerci ad investire per via fiscale i nostri soldi in avventure impossibili o disperate?

Cambiamo fronte. I disastri causati dalla crisi che stiamo attraversando è costato all’Europa circa 4.000 miliardi per salvare le banche, colpite o complici, delle perversioni del capitalismo finanziario. Banche nazionalizzate, banche sovvenzionate, debiti ristrutturati e altri operazioni similari. Ora Romano Prodi dopo aver proposto di sgravare le nostre banche da crediti inesigibili in un suo articolo sul Messaggero del 6 ottobre, ritorna sull’argomento, sempre sul Messaggero del 2 novembre. Cosa è una bad bank. E’ un veicolo per cui una banca con molti crediti inesigibili crea una bad bank cui conferisce tutti i crediti spazzatura, sgravando la good bank da quel peso ingombrante, e tornando a operare sul mercato erogando crediti e aiutando le imprese a ripartire. L’obiettivo è nobile, è corretto, è sperimentato. Il nostro paese ne ha bisogno, e sarebbe colpevole rimandare questa operazione. 
Rimane tuttavia il punto che la bad bank deve avere un capitale per comperare a valore facciale crediti che in effetti valgono zero o giù di lì. E’ pacifico che nessuna persona sensata sottoscriverebbe azioni destinate a perdere tutto il loro valore. Ovviamente ci deve pensare lo stato, e quel pozzo di San Patrizio che sembra essere diventata la Cassa Depositi e prestiti. In sintesi lo Stato si fa carico dei disastri bancari, e scarica sui contribuenti l’onere delle colpe altrui. I peccati dei capitalisti finanziari ricadono sui lavoratori produttivi. Un eterno ritorno allo sfruttamento dell’uomo sull’uomo.
La Spagna per gli stessi motivi è ricorsa all’Europa. L’Italia ha pagato alla comunità europea 51 miliardi per salvare i guasti causati dalla crisi finanziaria alle banche inglesi e tedesche, non potrebbe ora, come suggerisce Alberto Quadrio Curzio, chiedere che l’Europa facesse ora la sua parte nei nostri confronti? M tralasciando questa possibilità, la proposta Prodi sarebbe più attrattiva se disegnasse un’uscita dalla logica “paga Pantalone”. Ragioniamo. Questo sistema da una parte ha generato il disastro cui stiamo assistendo; dall’altra ha generato un accelerazione nel trend dell’indice Gini, in altre parole questo sistema ha arricchito i ricchi e ha impoverito i poveri. Ed allora invece di scaricare sui contribuenti produttivi i costi del dissesto del capitalismo finanziario, non si potrebbe pensare di scaricare quell’onere su chi ha beneficiato dello stesso? In sintesi, perché Prodi non ci parla di una patrimoniale?




Nessun commento:

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...