Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

giovedì 4 febbraio 2016

IL FAMILY DAY E L'AGENDA POLITICA DEL LIBERISMO di Maurizio Zaffarano



L'Ipocrity Day by Luca Peruzzi


IL FAMILY DAY E L'AGENDA POLITICA DEL LIBERISMO
di Maurizio Zaffarano



Sabato scorso a Roma qualche decina di migliaia di persone, fomentate per ragioni di opportunismo politico e bigottismo religioso, manifestava contro il riconoscimento giuridico delle coppie di fatto e delle coppie omosessuali.
Nel frattempo vaste aree del mondo sono insanguinate - conseguenza diretta o indiretta dell'imperialismo occidentale e della politica dei suoi alleati Israele, Turchia e Arabia Saudita – dalla guerra e dal fondamentalismo islamico (e si parla ormai apertamente di una guerra mondiale incombente o già in corso), tanti povericristi (e tra loro tantissimi bambini) continuano a morire nel Mediterraneo nel loro viaggio verso la speranza (o illusione) di salvezza da guerre, malattie e miseria, i cambiamenti climatici in atto annunciano lo stravolgimento della geografia umana così come la conosciamo da alcuni millenni. E in Italia non si vede alcun superamento della crisi ed alcuna sostanziale diminuzione della disoccupazione, la povertà riguarda milioni di persone, le conquiste del welfare (pensioni, sanità, casa, trasporti pubblici, scuola e università per tutti) sono sempre più un lontano ricordo, la democrazia politica (anche nella sua mera funzione simbolica) è sotto attacco con le controriforme costituzionali e l'Italicum, si sta definitivamente smantellando la struttura economico-produttiva italiana – come entità nazionale autonoma – alla mercé del capitale straniero (gli “investimenti esteri”) e la battaglia che si sta conducendo intorno alle Banche italiane rappresenta l'ultimo e forse conclusivo atto del processo di colonizzazione economica e dunque politica dell'Italia.
Eppure la questione delle unioni civili è da giorni al centro del dibattito politico come se ad essa fossero appesi i destini del mondo. 


Ci sentiamo tutti appagati e soddisfatti nella sacrosanta ingiuria, rigorosamente attraverso i social network, agli insulsi e marginali Salvini, Giovanardi, Adinolfi, Meloni e (pessima) compagnia cantante. Senza renderci conto di diventare così complici ed esecutori delle strategie di distrazione di massa. Intendiamoci: il riconoscimento dei diritti degli omosessuali e delle coppie di fatto è un elemento di civiltà, né di destra né di sinistra: semplicemente di civiltà. Ma a Sinistra dovremmo sempre ricordare che i diritti civili che non sono sostenuti dai diritti sociali sono parole scritte sulla sabbia, ci fanno ridurre al livello dei radicali pannelliani o della Boldrini.
Che tu voglia sposarti secondo i riti comandati da Santa Romana Chiesa oppure vivere liberamente la tua relazione eterosessuale o omosessuale o, ancora, liberarti da vincoli familiari insostenibili, se vuoi essere genitore, hai bisogno di una casa, di un lavoro, di poterti curare quando necessario e di poter coltivare il tuo talento e le tue attitudini scegliendo da giovane la scuola e l'università che ritieni giusta per te senza dover essere milionario.
Non si tratta di fantasiose utopie, ma semplicemente di redistribuire equamente la ricchezza esistente, di rendere disponibili le centinaia di migliaia di abitazioni sfitte o invendute e gli edifici pubblici non più utilizzati, di impiegare i senza lavoro nella tutela del territorio e nella realizzazione di servizi per il welfare in un circolo virtuoso in cui il controllo sociale collettivo della produzione e la piena occupazione produce ricchezza e benessere per tutti.

O la Sinistra e le forze dell'Alternativa saranno in grado di imporre nel dibattito politico i temi che riguardano la reale soddisfazione dei bisogni materiali e spirituali delle persone oppure dovremo sempre correre dietro l'agenda politica del liberismo. In un Paese dove milioni di persone non hanno la possibilità di vivere dignitosamente, cos'altro sono le discussioni sui diritti civili (sulle quali i soliti capi-tifosi possono esercitarsi nei teatrini televisivi) se non armi di distrazione di massa e il contentino gettato in pasto ad un popolo della Sinistra che non è più in grado di ritrovare la bussola della propria identità e della propria missione politica? In questa rappresentazione distorta della realtà, conforme agli interessi e ai desiderata delle élite politiche ed economiche e che riguarda tutti gli ambiti della vita pubblica, gli Scalfarotto ed i feroci liberisti del PD, accesi sostenitori del jobs act e della controriforma Fornero, possono così atteggiarsi a paladini del progressismo. Così Renzi che contesta (o fa finta di contestare) fuori tempo massimo le regole sul debito pubblico dell'Unione Europea cannibalizzata dalla Germania viene spacciato quale difensore degli interessi nazionali invece di essere riconosciuto come colui che contratta uno zero virgola di spesa pubblica per finanziare le proprie campagne elettoriali. 
Così la tragedia dei migranti e le tensioni sociali che essa provoca viene ridotta ad una guerra di religione e di civiltà anziché essere denunciata come la conseguenza dell'imperialismo economico e militare dell'Occidente capitalista. E la guerra in corso intorno alle Banche italiane, ghiotto boccone per il grande capitale sovranazionale, ridotta ai misfatti della imbarazzante famiglia Boschi.





Nessun commento:

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...