Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

sabato 15 giugno 2013

Un autunno di congressi : si apre il dibattito nel PRC

Si prepara un autunno denso di scadenze congressuali per i partiti italiani che vivono tutti processi di scomposizione e ricomposizione, seguire il dibattito nella Sinistra sarà uno degli obiettivi di Bandiera Rossa.
In questa ottica pubblichiamo il documento con il quale " Falce Martello " , una delle correnti interne al Partito della Rifondazione Comunista , dà inizio al dibattito congressuale rivolgendosi  alle forze interne ed esterne al partito.
Primo appuntamento sarà una assemblea nazionale che si svolgerà a Bologna il prossimo 6 e 7 Luglio.







Assemblea Nazionale 
Bologna 6-7 Luglio
Con la sconfitta di Rivoluzione civile alle ultime elezioni politiche e gli sviluppi successivi, possiamo considerare conclusa la discussione sulla capacità di Rifondazione comunista di rigenerarsi ed uscire dal pantano in cui è stata buttata da una linea politica disastrosa.
Se, e nella misura in cui, questo avverrà, non si tratterà di una rinascita o rilancio del Prc in quanto tale, ma piuttosto di una via d’uscita per quei settori di militanti che potranno, nel movimento generale della classe, trovare la strada per uscire dall’ambiente sempre più asfittico che oggi vive il partito.


Tale prospettiva chiama direttamente in causa la nostra area, che deve essere strumento di questa selezione a positivo di ciò che resta della militanza classista nel Prc.
Ai militanti del Prc dobbiamo dire, come sempre, la verità: la nostra battaglia contro la liquidazione è stata ininterrotta dal 2008 fino alla costituzione di Rivoluzione civile. Tale battaglia è stata sconfitta e il risultato è che oggi il partito è precipitato a un livello che di fatto lo pone al di sotto delle condizioni minime per svolgere un ruolo politico autonomo.
Questo non significa abbandonare la battaglia, ma implica condurla in base alle nuove condizioni. La contrapposizione politica che abbiamo avuto in questi anni continua a manifestarsi nella misura in cui la nostra posizione è quella di una tendenza che aspira a lottare per l’egemonia contro le correnti riformiste mentre quella di Ferrero e Grassi è di accodarsi opportunisticamente a quelle correnti.
L’alternativa che abbiamo posto pubblicamente rispetto alle sorti del Prc (“o si afferma la linea del partito di classe, o il partito muore”) va quindi intesa come l’alternativa che offriamo, senza metterci in cattedra ma con grande nettezza politica.
Ci rivolgiamo a quei militanti della sinistra (interni ed esterni al Prc) che sono alla ricerca di un’alternativa rivoluzionaria. Dobbiamo discutere del progetto politico ed è di una discussione seria ed approfondita che abbiamo bisogno.
Cominceremo il percorso con un’assemblea nazionale il 6-7 luglio a Bologna, aperta a tutti coloro che volessero parteciparvi, senza distinzioni di appartenenza politica o sindacale.
Ci teniamo a chiarire che l’obiettivo non è quello di costruire nuove costituenti, intergruppi o cartelli elettorali, ma di definire una proposta all’altezza delle nuove sfide che la crisi del capitalismo e la situazione politica e sociale impone.
In sintesi quello di cui abbiamo bisogno è: Sinistra, Classe, Rivoluzione.
Sinistra. Perché oggi non esiste in Italia una sinistra degna di questo nome.
Classe. Perché una politica di sinistra non è tale se non ha forti radici nella classe lavoratrice.
Rivoluzione. Perché nella crisi organica del capitalismo non ha senso parlare di una sinistra che non metta all’ordine del giorno il tema della rottura rivoluzionaria e della transizione verso una società non governata dal profitto.
È dai fondamentali del marxismo che dobbiamo ripartire, depurandoli dalle degenerazioni riformiste e staliniste.
Per fare questo bisogna iniziare dal programma. Un programma che dia risposte alla crisi senza ricadere nelle solite ricette keynesiane, inutili e dannose, e che ponga la questione delle nazionalizzazioni, del controllo pubblico, della gestione democratica dell’economia da parte di chi produce ricchezza nella società, vale a dire i lavoratori e le lavoratrici.
Sarà la discussione del sabato mattina, la bozza di programma per un futuro soggetto di classe ed anticapitalista.
Il pomeriggio del sabato sarà dedicato invece all’intervento nel movimento operaio, le sue problematiche e potenzialità a partire dalle esperienze e dal lavoro svolto in questi anni da alcuni tra i principali attivisti dello scontro sociale (Pomigliano, Terim, Maserati, logistica, commercio, scuola, ecc.).
L’obiettivo è definire una strategia di intervento nei luoghi di lavoro. Nel corso della discussione verrà presentato RadioFabbrica, il bollettino di intervento nel gruppo Fiat.
Dalle esperienze di lotta degli ultimi anni trarremo le lezioni fondamentali per avanzare una proposta alternativa alla linea delle burocrazie sindacali, anche in vista del prossimo congresso della Cgil.
Infine la discussione della domenica verterà sul progetto politico, utilizzando la massima di Lenin potremmo definirlo il momento in cui “togliamo la camicia sudicia per metterci la biancheria pulita”.
Ragioneremo della crisi della sinistra comunista in Italia, delle cause oggettive e di quelle soggettive, della prospettiva del partito di classe, di come un nuovo soggetto politico potrà sorgere solo “a caldo”, in un contesto di ripresa delle mobilitazioni e di conseguente radicalizzazione politica e sociale.
Ragioneremo altresì del nostro movimento politico e di come avrà un senso se saprà parlare all’insieme della classe (dunque a milioni di persone), ma allo stesso tempo saprà farsi carico fin da domani dei percorsi necessari alla maturazione di una nuova leva di quadri rivoluzionari. Senza i quali è impensabile rilanciare qualsivoglia movimento o progetto di trasformazione della società.
È dalle nuove generazioni che dobbiamo partire, dai settori freschi e nuovi che inevitabilmente la crisi produrrà e che saranno alla ricerca di idee rivoluzionarie che rompano con il riformismo e le vecchie pastoie burocratiche e istituzionali in cui ci hanno portato Bertinotti, Vendola e Ferrero in tutti questi anni.
Sinistra, Classe, Rivoluzione. Per riprendere il destino nelle nostre mani.


Nessun commento:

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...