Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

domenica 27 marzo 2016

AUTOBIOGRAFIA di Norberto Fragiacomo

 
 Son nato in via Felluga, sora un cole
‘ndove che iera negozieti e verde

(po i ga serado tuto, ma in compenso

su carpini e robinie sona ‘l pichio

co l’anima disbrato int’el boscheto

e ‘l remitur de la zità se studa).

Son nato un giovedì de primavera

ne l’ano de la nuvola de fumo

che ga impinido ‘l ziel, stremindo tanto

‘sto mondo picinìn, rimpianti e osmize:

Trieste mia sbarufante e senza pase!

più in terlis che no ‘desso, nei setanta

(pantigane in Cavana, smir sui muri),

ma meno imbalsamada, ‘ncora viva:

manovai che ‘ndava in piaza, lota iera

p’el posto de lavor, la dignità;

osti e poeti de boèm, pitori estrosi,

el Giaguaro e i anarchisti, Cecovini,

marantighe de gusto e de cultura;

fioi de tranvieri i studia in facoltà.

Pareva che, con tute le magagne,

basti esser seri e bravi per rivàr:

“o medico o avocato!”, nono Nino

magnandome coi oci ‘l me scoltava,

e in quela picia Cinquecento blu

cantavimo “do rose in un pitèr”.

Per quatro anèti fin che ‘na matina

i me ga dito che no ‘l iera più.

Iera za otobre e dentro la cusina

ricordo un fia de luse, spenta come,

e i albori de fora cuci e fiapi.

El picio biondo in foto no ‘l sa rider.

Sbiadì ne la memoria ‘l primo giorno

de le ancèle, un grembiulìn celeste,

el cortil griso e qualche mulo sempio.

Mi preferivo star co’ le putele,

ma quele aste e fileti, che rotùra!

Volevo leger Quizzy e i dinosauri,

tra i mocolosi iero solo e perso,

po co’ mia nona su al Ferdinandéo

fazevo giri cauti in bicicleta,

bramando una copèta de gelato.

O forsi iera dopo, no so dirve,

co mia sorela iera za grandeta;

teròr dei detersivi go in’amente,

velen che maza e me fa sbater i oci!

A scola finalmente la scoperta

de la goduria che te dà un bel libro,

se de storia o de guera festa dopia!

Per suor Carmela prometevo tanto;

me dispiasi però p’el pianoforte

che ‘desso strimpelassi volentieri.

Elementari, medie, superiori:

medaie de cartòn, una drio l’altra!

Ma ‘l cruzio xe le babe che no vedi

che son omo meo de altri, no un biflòn.

Se zerca la rivincita slucando

goti de nero garbo in via Risorta,

stimandose gran poeti, gente ganza,

cascando lenti in fondo de un bicèr.

Incanfararse per ciapar do slepe,

crolar su una panchina in riva al mar:

più monagine che rivoluziòn.

Cussì passavo i ani senza cresser.

Nel studio no ghe meto ssai passiòn,

ma l’amor propio me strassina ‘vanti:

dotòr a ventiquattro, co’ la lode

che incornisada la me ciol in giro

co’ incocalì me sveia la matina.

Uficiàl de la marina? un carnevàl,

guardie per finta, qualche bon locàl

fra ‘l Conero e Loreto, zo in Ancona;

partide se non altro de balòn.

La gioventù me dribla e scampa via.

El pezo rivarà drento un uficio

che par roba de Kafka o de Gogòl.

Servi una laurea per andà’ in canòn?

Articoli ben scriti un tre quadreti,

magro compenso de giornade svode

che do oci de putèla, qualche volta,

come un lusòr traversa a san Lorenzo.

Concorsi senza fine e senza senso

spergiura un’evasiòn che no sarà,

che no i ga fato ‘l mondo no per noi,

magari storti, ma in zenocio mai,

che un prete sia a pretenderlo o sia un siòr.

Xe triste che no son bastanza sgaio,

ma gnanche mona e xe la vera crose.

Ormai go anorum, semo in conclusiòn,

né bel né bruto e in aparenza calmo.

Bon o cativo? Resta un gran mistero,

de quei che te compagnerà a Sant’Ana.

Ma forsi ogni bilancio ‘l xe ilusiòn,

perché ognidùn de noi xe tuto e gnente,

comparse, ombre che se credi ‘l sol,

ceri impizadi in furia co fa bora –

che intanto subia e la scolto rapì.



1 commento:

mscaini ha detto...

Masa bea! Auguri posdatati.

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...