Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

domenica 15 gennaio 2012

Il “de profundis” della democrazia italiana





di Carlo Felici



Se il giorno in cui è stato nominato Monti abbiamo assistito alla fase terminale della lunga agonia di una democrazia già per altro duramente provata ed in stato comatoso, per la mancanza di rappresentatività di un Parlamento in gran parte costituito da yes men e yes women, adesso, con la sentenza che non consente l'ammissibilità del referendum che avrebbe cancellato quella che i suoi stessi artefici hanno sempre definito “legge porcata” (dimostrando così palesemente di avere bisogno di “porcate” per governare), siamo arrivati al “de profundis”, alla lapide tombale ed alla fine del funerale della democrazia italiana.
Un sussulto di dignità c'era stato con le vittorie referendarie, ma è stato ben presto vanificato dalle dichiarazioni successive dei vari membri di questo governo, fino all'ultima, di questi giorni, con cui proprio il sottosegretario all'economia (praticamente il vice di Monti) ha definito tali referendum sui servizi di importanza vitale per i cittadini, “un imbroglio”
Un imbroglio piuttosto ci appare questo governo che solo una seria ed autorevole agenzia di “pompe funebri” della nostra democrazia avrebbe potuto allestire tanto bene e così in fretta, ma soprattutto così efficientemente. Una agenzia, dati i primi provvedimenti e le solite tasse imposte sempre e comunque alle solite categorie di noti “gonzi senza via d'uscita”, che potremmo, senza tema di smentita, considerare alquanto esosa.
Non pare che però le prefiche di tale funerale siano molto numerose, i pianti infatti non si sprecano, anzi, più d'uno manifesta senza nasconderla una certa allegria, una contentezza dovuta al fatto che finalmente un buon “becchino” si dimostra più serio di un "clown" con il perdurante ruolo di “placebo” al capezzale di un moribondo.
Non sono poche le persone che credono che una compagine di esperti (di che poi se i provvedimenti che hanno preso avrebbe potuto metterli in atto anche un semplice ragioniere appena diplomato) tecnocrati possa governare meglio di tanti politici cortigiani e impaludati con poteri occulti o criminali.
Si consolano con l'aglietto, pur sapendo che quella che ci stiamo sorbendo è una vera e propria cicuta, e dicono, in buona sostanza: “meglio quella che l'arsenico e la lingerie dei merletti del novello duce postribolare”.
A questo siamo ridotti. L'euro avrebbe dovuto portarci a servizi, stipendi e sistema politico di tipo europeo, ma, piuttosto, ci troviamo oggi, dopo innumerevoli e perduranti sacrifici di ogni tipo, a fare le giravolte nel fango di un Paese in cui si suicida una persona al giorno, tra dipendenti e imprenditori, per disperazione da perdita o mancanza di lavoro, in cui gli stipendi sono quasi la metà di quelli europei, l'evasione fiscale è la seconda per ampiezza e il sistema politico è tra i più inefficienti, corrotti ed esosi.
Allora, forse saremmo quasi tentati di approvare la gioia dei monatti di questo sistema, se non fosse che il sistema non è morto ma in piena vitalità zombistica.
Eh già, perché a morire è solo la nostra democrazia, mentre l'apparato politico italiano, noto in tutto il mondo per la sua inettitudine, il suo parassitismo e i suoi costi esorbitanti, sopravvive alla grande ad ogni crisi, rimane indefessamente in piedi nonostante sia “morto da tempo” come un cadavere ambulante e per altro sempre più feroce.
E la cosa bella è che ha inventato pure la parola “antipolitica” per stigmatizzare i suoi detrattori sul nascere, come se la vera politica fosse davvero quella degli zombies che, mentre tutta l'Italia stringe la cinghia fino a non trovarsi più nemmeno una vitina da vespa (da non confondersi con quella di chi gestisce da sempre il salotto preferito dell'happening zombistico), vanno allegramente a festeggiare alle Seychelles..così, tanto per essere più abbronzati della solita faccia di bronzo che continuamente sfoggiano nelle aule parlamentari.
Adesso, vanificata la speranza referendaria, qualcuno rimpiange il fatto di non avere sostenuto il referendum Passigli, con l'illusione e la speranza che almeno con quello qualcosa avremmo ottenuto.
Pia illusione, la Consulta avrebbe bocciato pure quello, ormai gli organi costituzionali infatti seguono purtroppo la sorte di una Costituzione del tutto svuotata di contenuto che resta in piedi solo come “puntello formale” di un sistema profondamente diverso e conflittuale rispetto ai suoi principi il quale non attende altro che l'opinione pubblica finalmente si stufi anche di una carta inutile e, a questo punto, anche beffarda, la quale ci ricorda in continuazione ciò che avremmo potuto essere ma non siamo mai stati e non saremo mai.
La sovranità nazionale, nell'Europa degli oligopoli e degli apparati speculativi, è un optional sempre più pericoloso, eversivo e conseguentente lo è anche la possibilità che il popolo possa esercitarla con un libero voto.
Non illudetevi, cari nemici della perfida Albione, che la Merkel sulla tobin tax faccia sul serio, perché se fosse stata davvero seria si sarebbe già data concretamente da fare per metterla in pratica da tempo, invece si sta solo arrabattando come può per arginare l'emorragia di consensi in libera uscita dal suo partito. Se la Merkel dovesse di nuovo vincere le elezioni, statene certi, la tobin tax la vedremmo con il telescopio elettronico forse in una galassia a parecchi anni luce da noi, in un pianeta ripopolato solo da qualche fuoriuscito dalla DDR, ma molto di nascosto, e su un razzo sconosciuto persino ai sovietici.
Vinceranno i socialisti francesi? Quelli tedeschi, tra questo e l'anno prossimo?
Forse..magari!
Ma per noi non credo che cambierà molto..zombies abbiamo e zombies continueremo ad avere al governo e in un Parlamento quasi sicuramente rieletto con "lex ad porcum" il quale, a sua volta, eleggerà un altro di loro a presiederci tutti..
Quindi, cari estimatori della Repubblica dei governati “esperti”, non gongolate troppo, quella che abbiamo oggi non assomiglia nemmeno lontanamente alla Politeia di Platone, ma è solo un novello regime, non di trenta, ma di trecento e più tiranni (magari fossero solo trenta, ci costerebbero di meno). Certo, se aveste (se avessimo) il coraggio di cacciarli tutti e di far restare al loro posto solo i tecnocrati che ora ci dobbiamo comunque sorbire, ne avremmo solo pochi da mantenere e con un risparmio notevole. Ma come si fa? Se in primo luogo essi garantiscono seriamente i loro interessi e la loro impunità dal redde rationem elettorale?
Il funerale è finito, ma non c'è stato un necrologio e nemmeno una prece, pare che anche il vescovo abbia preferito una vacanza alle Seychelles, e il prete mandato all'ultimo momento si è dato malato.
Oggi dunque appare solo un cartello sbiadito con su scritto:

QUI GIACE LA DEMOCRAZIA ITALIANA

sconfitta dal popolo pecora

ne danno annuncio i pochi che l'hanno sempre amata invano, e senza essere mai corrisposti.

C.F.


4 commenti:

Anonimo ha detto...

"RISPOLVERARE LA LOTTA DI CLASSE".

Le classi ricche e parassitarie, hanno i loro interessi politici.
Quelle degli sfruttati (i rincoglioniti Lavoratori) ne hanno ben altri.
Il confondere le acque, è un gioco che riesce benissimo ai signori borghesi Berlusconi, Montezemolo, Della Valle, e dulcis in fundo l'ultimo vassallo del capitale arrivato M.Monti.
Ecco cosa si deve proporre da subito: una forza politica dei e per i Lavoratori, che faccia distinguere i nostri interessi rispetto ai loro interessi (che sono sic et simpliciter, quelli del profitto).

Notte da Luigi

P.S.
“C’è una lotta di classe, è vero, ma è la mia classe, la classe ricca, che sta facendo la guerra, e stiamo vincendo”.
(W. Buffet; miliardario americano)

Anonimo ha detto...

Ci deve essere sicuramente qualche problema.
Ieri notte, ho scritto un commento, che non è stato pubblicato, commento purtroppo che non ho salvato.

Saluti da Luigi

Lorenzo Mortara ha detto...

Luigi era in attesa di moderazione, ed è rimasto lì perché devo aver fatto qualche casino con le mail di avviso. Abbiamo scelto la moderazione anche per evitare insulti eccetera. Porta pazienza, di norma son solo piccoli incidenti.


Ciao
Lorenzo

Carlos ha detto...

Chi dice che è necessaria una vera lotta di classe ha ragione, però il popolo è "pecora" non solo perché non si organizza e lotta, ma anche e soprattutto perché, per organizzarsi, è necessaria in primis, una coscienza di classe. Compito di favorire la sua nascita e crescita dovrebbe essere quello di un vero movimento con valori socialisti e comunisti. Grande ed unitario. Invece la cosiddetta sinistra comunista è preda del suo tribalismo che annovera ben 4 partitini di denominazione comunista, "accodati" a vari leaders: Ferrero, Diliberto, Ferrando, Rizzo e, residualmente, Vendola. Si può far nascere una coscienza di classe in tali condizioni? non perché faccia rima, ma così..spuntano meglio i forconi..

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...