Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

domenica 1 gennaio 2012

ODIO CAPODANNO di A. Gramsci



Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno.
Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria, e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. È un torto in genere delle date.
Dicono che la cronologia è l’ossatura della storia; e si può ammettere. Ma bisogna anche ammettere che ci sono quattro o cinque date fondamentali, che ogni persona per bene conserva conficcate nel cervello, che hanno giocato dei brutti tiri alla storia. Sono anch’essi capodanni. Il capodanno della storia romana, o del Medioevo, o dell’età moderna. E sono diventati cosí invadenti e cosí fossilizzanti che ci sorprendiamo noi stessi a pensare talvolta che la vita in Italia sia incominciata nel 752, e che il 1490 0 il 1492 siano come montagne che l’umanità ha valicato di colpo ritrovandosi in un nuovo mondo, entrando in una nuova vita. Cosí la data diventa un ingombro, un parapetto che impedisce di vedere che la storia continua a svolgersi con la stessa linea fondamentale immutata, senza bruschi arresti, come quando al cinematografo si strappa la film e si ha un intervallo di luce abbarbagliante.
Perciò odio il capodanno. Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno. Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno. Nessun giorno preventivato per il riposo. Le soste me le scelgo da me, quando mi sento ubriaco di vita intensa e voglio fare un tuffo nell’animalità per ritrarne nuovo vigore. Nessun travettismo spirituale. Ogni ora della mia vita vorrei fosse nuova, pur riallacciandosi a quelle trascorse. Nessun giorno di tripudio a rime obbligate collettive, da spartire con tutti gli estranei che non mi interessano. Perché hanno tripudiato i nonni dei nostri nonni ecc., dovremmo anche noi sentire il bisogno del tripudio. Tutto ciò stomaca.

Antonio Gramsci
(1° Gennaio 1916 su l’Avanti!, edizione torinese, rubrica “Sotto la Mole”)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ogni volta che leggo qualcosa di Gramsci, mi pento di non averlo mai "studiato".

Riguardo al suo P.S. di ieri, e cioè questo: P.S. - Ma senza parlare di rivoluzione il partito non sorgerà mai, non sono due cose separate...

E' vero, ma parlare solo di rivoluzione, senza concretizzare qualche passo, nella direzione di essa (e quì, entra in ballo il partito) alla lunga stanca, e fa risultare una utopia come un'altra, la prassi rivoluzionaria.
Siamo uomini, ed abbiamo bisogno di vedere i cambiamenti nelle cose, e poi la testa, si adegua molto più semplicemente ad essi.
Persino i..."gregari", con i quali spesso parlo, mi dicono, "si ma quando nasce sto benedetto partito?", e poi si rituffano nel loro tran tran quotidiano.
Spero di essere riuscito a rendere almeno un po, l'idea.

Luigi

P.S.
Ieri non l'ho fatto, mea culpa.

Auguri di Buon anno a tutta la redazione! (nonostante Gramsci).

Lorenzo Mortara ha detto...

Indubbiamente il non veder risultati sfianca un po' tutti, ma ci sono delle ragioni storiche per una simile impasse. Ragioni che non sono facili da superare, ma lo saranno. Noi per ora si deve solo insistere. Che sia il 2012 l'anno giusto?

Anonimo ha detto...

IL SARTO DI ULM (di B.Brecht)

Il sarto diceva che l'uomo avrebbe volato, il vescovo principe non ci credeva, alla fine, stufo delle insistenze, gli dice «provaci, vai sul campanile e buttati». Il sarto si butta e si sfracella. Chi aveva ragione? Perché è vero che il sarto non era riuscito a volare, ma poi l'uomo c’è riuscito.
La parabola vale per il comunismo: per ora il tentativo non ha avuto esito positivo, ma domani forse ce la farà.

Luigi

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...