Cerca nel blog

i Quaderni di Bandiera Rossa "La Guerra Dimenticata: Il Carnaio del Mondo Musulmano" di Riccardo Achilli
.

lunedì 27 giugno 2011

Patriottismo e lavoro di James Connolly


Che cosa è il patriottismo? Amor di patria, qualcuno risponde. Ma cosa si intende per 'amor di patria' ? "Il ricco", dice uno scrittore francese, "ama il suo paese perché Egli concepisce che glielo deve come un dovere, mentre il povero ama il suo paese, perché crede che sia un dovere." Il riconoscimento del dovere che abbiamo verso il nostro paese è la molla reale dell'azione patriottica, e il nostro 'paese', inteso correttamente, significa non solo il luogo particolare sulla superficie terrestre da cui deriva la nostra parentela, ma anche comprende tutti gli uomini, donne e bambini della nostra razza la cui vita collettiva costituisce l'esistenza politica del nostro paese. Il vero patriottismo cerca il benessere di ciascuno nella felicità di tutti, ed è incoerente con il desiderio egoistico di ricchezza terrena che non può essere acquisita dalla spoliazione di compagni mortali meno favoriti.
Visto alla luce di tale definizione, quali sono le pretese di patriottismo posseduto dalla classe danarosa d'Irlanda ? La percentuale di salario settimanale di £ 1 alla settimana ricevuto dai lavoratori dei tre regni è statuito dalla relazione del Consiglio di Commercio come segue: Inghilterra, 40, Scozia, 50, e l'Irlanda, il 78 per cento. In altre parole, tre su quattro salariati in Irlanda ricevono meno di 1 £ a settimana. Di chi è la colpa? Che cosa determina il livello dei salari ? La competizione tra i lavoratori per l'occupazione. C'è sempre un ampio avanzo di disoccupati del lavoro in Irlanda, e grazie a questo fatto il datore di lavoro irlandese è in grado di sfruttare l'impotenza della classe povera dei suoi connazionali e li costringe a lavorare per meno dei loro compagni in Inghilterra, nel confronto per la stessa classe di lavoro. I dipendenti delle nostre aziende comunali e di altri enti pubblici in Irlanda sono costretti dalla nostra classe media dei consiglieri della città - i loro compatrioti - di accettare salari da 4s. a 8s. a settimana a meno di aziende inglesi che pagano nei rami simili di servizio pubblico. I servitori ferroviari irlandesi ricevono da 5s. a 10s. a settimana meno dei servi ferroviari inglesi negli stessi dipartimenti, anche se gli azionisti delle ferrovie irlandesi traggono maggiori dividendi che vengono pagati sui prosperosi inglesi. In tutti i lavoro privato in Irlanda prevale lo stesso stato di cose. Cerchiamo di essere chiari su questo punto. Non esiste una legge sul libro legge, nessun potere posseduto dal Privy Council, nessuna funzione civile o militare sotto il controllo del primo ministro, Lord Luogotenente, o segretario capo che può, fa o cerca di costringere la classe impiegata in Irlanda a prendere vantaggio dello affollato stato del mercato del lavoro e usarlo per deprimere i salari dei loro lavoratori al livello attuale di fame. Per l'avidità della nostra classe danarosa, operante a partire dalle condizioni sociali create dal latifondismo e dal capitalismo, e mantenuto su baionette straniere, tale risultato è solo attribuibile, e nessuna quantità di proteste devono convincere i lavoratori intelligenti che la classe che li macina fino alla schiavitù industriale può, nello stesso momento, spingerli in avanti per la libertà nazionale. Il vero patriottismo cerca il benessere di ciascuno nella felicità di tutti, ed è incoerente con il desiderio egoistico di ricchezza terrena che non può essere acquisita dalla spoliazione di compagni mortali meno favoriti. E' la missione della classe operaia di dare a questo patriottismo superiore, più nobile, un significato. Questo può essere fatto solo dalla nostra classe operaia, come l'unica universale, classe che tutto abbraccia, come l'organizzazione di un distinto partito politico,
riconoscendo nel lavoro la pietra angolare del nostro edificio economico e l'anima della nostra azione politica. Da qui la nascita del Partito socialista repubblicano irlandese. Abbiamo deliberato l'indipendenza nazionale, come il fondamento indispensabile di emancipazione industriale, ma siamo altrettanto decisi a farla finita con la leadership di una classe sociale il cui statuto è derivata dalla oppressione. La nostra politica è il risultato di una lunga riflessione sulla storia e le circostanze particolari del nostro paese. In un paese indipendente, l'elezione di una maggioranza dei rappresentanti socialisti alla legislatura significa la conquista del potere politico da parte del partito rivoluzionario, e di
conseguenza la padronanza delle forze militari e della polizia dello Stato, che sarebbe poi diventato l'alleato della rivoluzione, invece del suo nemico.
Nel lavoro di ricostruzione sociale che avrebbe poi dovuto derivarne, il potere dello Stato – creato dalle classi possidenti per i loro scopi di classe - servirebbe il nuovo ordine sociale come arma nella sua lotta contro gli aderenti degli ordini privilegiati, come si sforzò di resistere alla graduale estinzione della loro regola. L'Irlanda non è un paese indipendente, l'elezione di una maggioranza di repubblicani socialista non sarebbe in grado, purtroppo, di porre i frutti della nostra fatica così facilmente alla nostra portata. Ma avrebbe un altro, forse non meno importante, effetto. Vorrebbe dire che per la prima volta nella storia irlandese una chiara maggioranza dell'elettorato responsabile della nazione irlandese – uomini atti alle armi – hanno registrato presso le urne il loro desiderio di separazione dall'Impero Britannico. Tale verdetto, arrivato non nel tumultuoso e, troppo spesso, entusiasmo volubile di incontri mostro, ma in un'atmosfera sobria e di calma giudiziaria del polling-stand, sarebbe come un anello di squillo di tromba nelle orecchie dei nostri governanti e di tutti i nemici del sistema imperiale britannico. Che non sopravvivino a lungo ad una consumazione. I suoi nemici leggerebbero nel verdetto così consegnato alla urne un appassionato appello per un aiuto contro l'oppressore, l'insurrezione morale del popolo irlandese, che una piccola forza di spedizione e di materiale bellico potrebbe convertire in una insurrezione militare che esaurirebbe la potenza dell'impero a casa e rendere i suoi possedimenti facile preda all'estero. Per quanto tempo un tale appello può essere ignorato? Nel frattempo, non c'è palliativo temporaneo della nostra miseria, nessun beneficio materiale che può conferire il Parlamento che non poteva essere estorto con la paura di un partito rivoluzionario che cerca di creare una tale situazione, come ho descritto, prima che da qualsiasi azione anche i più determinato Home Rule o altro partito costituzionale. Così, allo stesso modo per le prestazioni attuali e future per la libertà, la politica rivoluzionaria è la migliore. Un partito il cui obiettivo di una Repubblica meramente politica che proceda su tali linee, sarebbe sempre minacciato dal pericolo che qualche astuto statista inglese potrebbe, emanando un provvedimento farsa di Home Rule, disorganizzare le forze repubblicane concedendo delle concessioni, fino a quando il critico
momento fosse passato. Ma il Partito socialista repubblicano irlandese, richiamando l'attenzione sui mali insiti in quel sistema sociale di cui l'impero britannico è la più elevata forma politica di espressione, fonda la sua propaganda sul malcontento di iniquità sociale che non farà che passare quando l'Impero non c'è più, e così impiantare in tutti i suoi seguaci un odio immortale, inestinguibile del nemico, che rimarrà indisturbato e immodificato da qualsiasi sistema di qualunque concepibile ciarlataneria politica.
Una repubblica socialista irlandese dovrebbe, quindi, essere il grido di battaglia di tutti i nostri connazionali che desiderano vedere l'unione e il trionfo del patriottismo e del lavoro.

Nota editoriale:

Mentre si è in sintonia piena con il punto di vista del signor Connolly sulle questioni sociali e del lavoro, siamo assolutamente contrari al sistema che mette in campo per la formazione di un partito irlandese repubblicano nel Parlamento britannico. Ogni coscienza repubblicana avrebbe il bastone del giuramento di fedeltà e nessun affidamento può essere immesso in quello che John O'Leary chiama uomini dal "doppio giuramento". John Mitchel egli stesso ritornò come un rappresentante, ma ha assolutamente rifiutato di intrattenere l'idea di rivendicare il suo posto. Ha guardato la sua elezione come un semplice dichiarazione a favore dei suoi principi di inalterabile ribelle. Vorremmo avere un dibattito su tale questione.

Nessun commento:

Stampa e pdf

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...